lunedì 4 giugno 2012

Barometro Atradius: 30% dei crediti pagati dopo la scadenza

Il 30% dei crediti maturati dalle aziende non vengono onorati prima della loro scadenza. Questo il dato schock che esce da una prima lettura del Barometro Atradius, studio di settore giunto alla sua undicesima edizione che viene compiuto ogni anno dalla Atradius, azienda leader nel settore del recupero dei crediti ma anche nell'assicurazione del credito.

Dall'indagine emerge come per gli operatori commerciali il ritardo nei pagamenti o, peggio ancora, il mancato rispetto dell'impegno, sia la maggiore causa di preoccupazione specie in un periodo di crisi prolungata come quello che stiamo vivendo. Paure ben giustificate dal fatto che il 20% dei pagamenti arriva due mesi oltre quella che sarebbe la scadenza e il 3% dei crediti non viene onorato.

Fanalino di coda dello studio che ha preso in considerazione 3000 aziende appartenenti a 14 paesi è,  come cui si poteva aspettare, la Grecia: nel paese ellenico la media dei pagamenti scaduti da più di tre mesi è doppia rispetto alla media europea. In Grecia oltre il 40% dei debiti arriva oltre la scadenza ma la situazione non è molto migliore in Italia che supera il 39%, quasi raggiunta dall'Irlanda.

atradius-recupero-crediti

Dalle interviste emerge per le aziende Italiane una certa disponibilità a concedere dilazioni ai clienti del proprio paese e infatti le dilazioni raggiungono in media il valore di 50 giorni, molto più alto della media europea. Insomma appare chiaro come le aziende italiane pur di lavorare siano disponibili a essere pagate in ritardo piuttosto che perdere le commesse e d'altronde sono bene abituate dal fatto di avere a che fare con l'amministrazione pubblica che in Europa è la più lenta a saldare i conti. Gli intervistati hanno dichiarato di concedere la dilazione nella speranza di instraurare un lungo rapporto di collaborazione.

Fatto sta che i clienti stranieri pagano meglio: scadono i termini nel 30% dei casi, mentre il mercato domestico sfora il limite nel 40% circa dei casi

Nessun commento:

Posta un commento