martedì 29 maggio 2012

UNIREC sulla riforma del Recupero crediti

La UNIREC, l'associazione che raggruppa le società impegante nel settore del recupero crediti dice la sua sul fronte del disegno di riforma del settore in questi giorni in discussione da parte del governo. E lo fa in un periodo particolare per l'associazione, prossima all'avvicendamento ai suoi vertici. Ma il presidente uscente Alborghetti da il suo ultimo contributo in questa veste e dichiara che la riforma così congegnata non va. D'altronde Unirec aveva già fatto sentire la sua voce e fatte chiare le sue esigenze in due audizioni in Commissione Parlamentare, esigenze che finora sono in parte rimaste inascoltate.

I punti che vengono contestati del disegno di legge sono in sostanza due.Quello principale è la questione del controllo. La riforma prevede l'istituzione di un organismo di controllo che metta insieme rappresentanti delle aziende e dei consumatori ma anche elementi esterni di nomina politica e delle imprese interessate. Le aziende di recupero crediti preferirebbero invece che un organismo siffatto fosse occupato esclusivamente dagli attori interessati al recupero crediti e quindi dalle aziende stesse e dai consumatori.

unirec

Non convince neppure che il controllo politico venga spostato dall'attuale situazione che lo vede in capo al Ministero dell'Interno. Per la natura dei protagonisti in gioco, in genere piccole e medie imprese e consumatori non caratterizzati da grossi patrimoni, non pare il caso di cambiare la fonte di controllo.

Nell'intervista rilasciata al Sole 24 Ore il Presidente dell'Unirec ha lasciato trasparire possibilità di un accordo perché non tutti i loro suggerimenti sono andati persi.  Per esempio viene data alle aziende di recupero crediti la possibilità di consultare le banche dati al fine di rintracciare i debitori e i patrimoni; un altra novità importante emersa fino ad ora è che laddove non si riesca a recuperare un credito questi importi possono finalmente essere dedotti in sede di dichiarazione dei redditi.

Nessun commento:

Posta un commento